Sunday, 02 August 2020 13:46

Finanziamento soci e versamenti

Written by
Rate this item
(0 votes)

L'erogazione di somme dai soci alle società da loro partecipate può avvenire a titolo di mutuo (finanziamento), con il conseguente obbligo per la società di restituire la somma ricevuta ad una determinata scadenza, oppure di versamentodestinato a confluire in apposita riserva "in conto capitale"; in quest'ultimo caso non nasce un credito esigibile, se non per effetto dello scioglimento della società e nei limiti dell'eventuale attivo del bilancio di liquidazione, connotato dalla postergazione della sua restituzione rispetto al soddisfacimento dei creditori sociali e dalla posizione del socio quale "residual claimant".

Così, Cass. Civ. Sez. I, n. 7919/2020, che torna ad occuparsi delle modalità e tipologie di capitalizzazione delle società da parte dei soci, distinguendo due ipotesi del tutto differenti fra loro:

1) I versamenti in conto capitale: non danno luogo ad alcun obbligo di restituzione in capo alla società, non potendo le somme apportate dal socio essere qualificate come vero e proprio finanziamento, ma unicamente come capitale di rischio; di conseguenza, le stesse andranno a confluire in apposita riserva “in conto capitale”.

Tale apporto di capitale potrà essere utilizzato per ripianare perdite tali da abbattere il capitale sociale, ovvero per sottoscrivere un nuovo aumento di capitale e potranno essere rimborsati ai soci solo all’esito dell’integrale pagamento dei creditori sociali.

2) I finanziamenti dei soci: hanno natura di mutuo (fruttifero o infruttifero, a seconda della volontà del disponente) e di conseguenza sono destinati ad essere iscritti tra i debiti.

In tal caso, trattandosi di veri e propri debiti, si configura in capo alla società un obbligo restitutorio della somma ricevuta ad una determinata scadenza, con conseguente inutilizzabilità del finanziamento per operazioni di aumento gratuito di capitale, di ripianamento delle perdite in caso di riduzione del capitale per perdite.

La qualificazione giuridica circa la tipologia di versamento del capitale alla società "omissis...dipende dall'esame della volontà negoziale delle parti, e la relativa prova, di cui è onerato il socio attore in restituzione, deve trarsi dal modo in cui il rapporto è stato attuato in concreto, dalle finalità pratiche cui esso appare essere diretto e dagli interessi che sono sottesi(Cass. Civ., Sez. III n. 20978/2018).

Read 57 times
More in this category: « Giudicato penale e risarcimento

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.